Pubblicazioni

- 26/07/2021
di A.T.P.S.V.D.

Mappa degli oratori di Varzo

“Gli Oratori sono beni che appartengono alla comunità ed alla sua storia e meritano di essere conservati e valorizzati per quelle funzioni sociali ancora importanti che continuano a proporre. E’ quindi giusto impegno per chi vuole scrivere la storia, non limitarsi al solo elenco di essi, ma, quando è possibile, attraverso l’opportuna documentazione, chiarirne l’origine, la funzione religiosa e civile, ed illustrarne i valori devozionali, artistici e storici per salvarli dall’incuria e dalla fragile memoria del mondo moderno. * * Da Tullio Bertamini “Storia di Varzo della Valle Divedro” Ecco la nostra mappa dettagliata per visitare tutti gli oratori di Varzo    

Continua a leggere
- 16/07/2021
di A.T.P.S.V.D.

Gli oratori di Varzo - Alpe Veglia

Gli Statuti del 1321 stabiliscono che l’alpeggio, attività principale dei valligiani valdivedrini, dovesse iniziare il 24 giugno con la festa di S. Giovanni e terminasse con la festa di San Bartolomeo il 24 agosto. Venivano portate all’alpe le erbe benedette “Fiori di San Giovanni” che venivano date alle bestie o bruciate sulla porta all’avvicinarsi dei temporali.

Continua a leggere
- 16/07/2021
di A.T.P.S.V.D.

Gli oratori di Varzo - San Domenico

Come per San Bernardo anche per questa “montagna” il Santo ha soppiantato l’antico toponimo; infatti dopo che, tra il 1660 e il 1680, viene costruito il primo oratorio il luogo non si chiamerà più Silvaplana ma San Domenico.

Continua a leggere
- 16/07/2021
di A.T.P.S.V.D.

Gli oratori di Varzo - San Carlo

Questo luogo era, nella tradizione, riservato alla distribuzione di cibo, “onze 7 di pane e un onza di formaggio per ciascuno”, a chi partecipava alle rogazioni, processioni che si facevano ogni anno per la benedizione della campagna. 

Continua a leggere
- 16/07/2021
di A.T.P.S.V.D.

Gli oratori di Varzo - San Bernardo

Quando viene costruito l’oratorio, dedicato a San Bernardo d’Aosta, il vecchio nome sparisce sostituito da quello del Santo già venerato in Val Divedro al quale si attribuisce la protezione dall’invasione delle cavallette avvenuta nel 1363.  

Continua a leggere